Vincent Van Gogh

Il giorno 29 novembre siamo andati alla mostra Vincent Van Gogh Alive – The Experience.

Per andare a vedere questa mostra abbiamo preso il trenino e poi il tram fino a Trastevere.

La mattina io non mi sentivo tanto bene e avevo tanta tosse, non sapevo se sarei potuta andare o no. Mia mamma mi aveva chiesto se me la sentivo oppure volevo restare a casa, ma io le avevo risposto che ce l’avrei fatta.

Siamo andati con la metro fino a Porta San Paolo/Piramide, poi abbiamo preso il tram fino a Trastevere. Siamo arrivati all’ingresso della mostra, abbiamo aspettato un po’ e poi siamo entrati.

Il primo quadro che abbiamo visto raccontava la vita dell’autore. Per fortuna noi già conoscevamo la sua storia.

Poi c’erano alcuni dei suoi quadri più famosi  ed erano molto belli.  Alcuni già li conoscevamo, ad esempio La notte stellata, Iris e poi Campo di grano con i cipressi. Questi quadri erano tutti nella prima stanza.

Nella seconda stanza tutti i quadri di Vincent  Van Gogh venivano proiettati in video.

Nella terza sala, alle pareti, c’erano sempre i suoi dipinti con l’aggiunta di alcune  frasi che aveva pronunciato mentre dipingeva.

Andando avanti c’era la quarta sala dove era esposto il suo autoritratto.  

A seguire c’era un’altra sala che mi è piaciuta molto perché, stando  sdraiati per terra, si potevano osservare i quadri proiettati sulle pareti.

Il dipinto che mi è piaciuto di più è stato “Notte stellata“. In questo famoso quadro il cielo notturno occupa circa due terzi dello spazio, un terzo è dato al paesaggio. La terra e il cielo sono collegati dal ciuffo di cipressi che sale dal basso a sinistra. Nel mezzo del cielo è raffigurato un vortice, che è il protagonista di Notte stellataIl paesaggio sottostante, un gruppo di povere case, delineate con segni morbidi e poco pronunciati, raccolte intorno alla chiesa è come schiacciato. Il campanile affilato si staglia contro i rilievi e raggiunge la zona del cielo. 

Terminata la visita abbiamo ripreso il tram e poi il trenino e siamo rientrati a scuola. 

 
download-1

Alice Affusto

About Alice Affusto