La nascita dello scautismo in Italia!!!

Nato nel 1907 da un’idea del tenente generale inglese Robert Baden-Powell (chiamato affettuosamente B.-P. dagli scout di tutto il mondo), il fascino dello scautismo arrivò ben presto anche in Italia e nel 1912 Carlo Colombo, così come aveva fatto Baden Powell sull’isola di Brownsea, fece un primo esperimento con alcuni ragazzi iscritti alla Società Podistica Lazio sui prati della Farnesia a Roma e divenne il Capo Scout del Corpo Nazionale Giovani Esploratori Italiani.

Iniziarono subito a nascere molte Sezioni in  tutta Italia e nel 1914 anche le ragazze Italiane iniziarono le attività con la fondazione dell’Unione Nazionale Giovani Esploratrici Italiane (U.N.G.E.I), mentre i Lupetti arrivano nel 1925. Purtroppo nel 1927 il regime fascista vietò le attività e iniziò così il periodo che gli scout Italiani chiamano “GIUNGLA SILENTE”, perché segretamente molti gruppi continuarono a trovarsi e a fare attività, ma stando molto attenti per non farsi scoprire!

Con la fine della guerra nel 1945 i gruppi che erano rimasti nascosti ripresero le attività alla luce del sole e si riunirono nuovamente, partecipando anche al JAMBOREE della Pace in Francia nel 1976, il primo dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Nel 1976 i due rami, maschile e femminile, si riunirono nel Corpo Nazionale Giovani Esploratrici ed Esploratori Italiani, formando l’associazione che conosciamo oggi, con bambine e bambini , ragazze e ragazzi che giocano insieme!!!!

About pasquali.viola